Turni controllo natanti
W05 dal13-8-2018al19-8-2018
W60 dal20-8-2018al26-8-2018
W07 dal27-8-2018al2-9-2018
W08 dal3-9-2018al9-9-2018
W99 dal10-9-2018al16-9-2018
W44 dal17-9-2018al23-9-2018
W15 dal24-9-2018al30-9-2018
W49 dal1-10-2018al7-10-2018
W28 dal8-10-2018al14-10-2018
W21 dal15-10-2018al21-10-2018
W90 dal22-10-2018al28-10-2018
W42dal29-10-2018al4-11-2018
 
Galleria d'immagini

Ai natanti del gruppo sono riservate due cavane sul Canal Grande, nel cuore delle città, e precisamente davanti a Palazzo Cavalli (Sestiere di San Marco), 100 metri alla destra di Ca' Farsetti, sede del Comune di Venezia.

Il Direttivo ha istituito dei turni a rotazione di controllo dei natanti. Ciascun turno di 7 giorni continuativi inizia di lunedì e finisce la domenica successiva. Buona parte dei volontari coinvolti in questo servizio è in possesso della patente nautica, tuttavia il possesso dell'abilitazione al comando di un'unità da diporto non è strettamente necessario, poiché non vi è la necessità di mettere i mezzi in navigazione; di conseguenza ci sono anche volontari senza patente che effettuano questo servizio.

Il volontario di turno ha i seguenti compiti:
1) provvedere allo svuotamento dell'acqua di sentina tramite pompe di bordo col motore acceso oppure con mezzo manuale (sessola). I natanti sono infatti all'aperto e quindi l'acqua piovana non deve accumularsi oltre un certo limite, altrimenti si rischia l'affondamento!
2) controllare l'integrità delle cime d'ormeggio (vi è infatti un'inevitabile loro usura dovuta al moto ondoso e all'escursione della marea);
3) effettuare almeno una messa in moto di ciascun motore, al fine di rilevare immediatamente eventuali malfunzionamenti subito da comunicare al Direttivo, così come eseguire un controllo del corretto funzionamento delle luci di bordo, del "clacson", dei dispositivi acustici e di segnalazione visiva supplementari (sirena e lampeggianti blu) e degli altri dispositivi ausiliari di bordo;
4) segnalare tempestivamente al Direttivo ogni eventuale anomalia coinvolgente i natanti (danneggiamenti, scassi, furti, ecc.) o le cavane (assi sconnesse, cedimento delle paline, ecc.).